Beach Volley Young Academy

Il progetto nasce nel 2006 da un’idea di Massimiliano Ortenzi, grazie alla sua passione per il beach volley e all’attenzione verso un piccolo gruppo di allora giovani under 16 e under 14, intenzionati a continuare gli allenamenti di pallavolo anche quando le porte del Palas si chiudono al termine della stagione sportiva indoor.
In collaborazione con l’assessorato allo sport di Porto San Giorgio e al sempre prezioso aiuto di Michele Rogani, M&G Scuola Pallavolo diventa così la prima società sportiva della provincia di Ascoli Piceno/Fermo ad allestire campi da beach volley sulla spiaggia di Porto San Giorgio, con l’intento di istituire una vera e propria accademia formativa di beach volley destinata ai giovani. Nasce così Beach Volley Young Academy.
Da quell’idea nata quasi per scherzo, da quel lontano (ahinoi!) 2006, è stato sempre un continuo crescendo tanto in termini partecipativi quanto soprattutto sotto il profilo organizzativo e gestionale, tanto da trasformare nel tempo il proprio “campo base” (inizialmente lo stabilimento Coco Loco, per poi passare a partire dal 2016 al vicino LeGall) in un vero e proprio “villaggio del beach volley”.
Per fare un paragone diretto di stampo televisivo, insomma, questa accademia giovanile di pallavolo sulla sabbia ha tutte le caratteristiche di quelle pochissime serie televisive che arrivano a superare la doppia cifra in termini di edizione. “La Piovra”, “Don Matteo” e simili, per capirci, serie tv che si sono ripetute per anni ed anni senza mai smettere di appassionare gli utenti finali. Il motivo, che accomuna le due realtà, è in realtà piuttosto semplice: rinnovarsi continuamente senza mai perdere la propria essenza, che è appunto quella di appassionare fornendo un prodotto di qualità.
Inizialmente aperta a giovani dai 10 ai 17 anni, oggi è un’importante realtà sportiva del territorio e conta, in media, 150 iscritti suddivisi nelle varie categorie in base alle diverse fasce d’età di appartenenza.
Nel 2014 viene sperimentata anche la categoria “Non Più Young”, per rispondere alla volontà di un gruppo di ragazze over 18 fortemente intenzionate a portare avanti la propria passione per il volley anche d’estate.
A partire dal 2015 l’Academy allarga la propria attività al settore mini volley: piccoli beachers dai 6 ai 10 anni sperimentano un’esperienza di gioco e divertimento sulla sabbia attraverso attività ludico-motorie di avviamento allo sport.
La nostra accademia di beach volley maschile e femminile è rivolta non solo ai tesserati dell’Universo M&G, ma anzi a tutti coloro che praticano pallavolo indoor e vogliono continuare il loro percorso anche nei mesi estivi e/o desiderano praticare il beach volley acquisendo i fondamentali e le nozioni elementari di questa splendida e formativa disciplina.
I nostri corsi professionali di gruppo durano cinque settimane e sono tenuti da allenatori qualificati: Massimiliano Ortenzi, Michele Rogani, Francesco Pison, Roberto Romiti, Riccardo Vecchi, Laura Sbrolla, Giada Seghetta, Annalisa Catervi, Gaia Concetti, Monica Sosa, Lorena Purini e tanti altri che nel corso degli anni si sono alternati, sotto il sole cocente, per istruire i ragazzi con competenza ma anche con sorrisi e simpatia.
L’iscrizione ai corsi dà diritto ad un kit di abbigliamento e, per chi ne dovesse necessitare, anche di trasporto in pullman dai paesi dell’entroterra fermano, per arrivare al “campo base” puntuali e senza rischi.
I corsi si chiudono con un torneo finale “open” cui partecipano ogni anno coppie provenienti anche da fuori regione, ed una splendida serata di festa con premiazioni per tutti i partecipanti. Memorabile in tal senso rimane l’edizione speciale legata al decennale dell’Academy, denominata “The Summer X-perience”, con oltre 200 iscritti ed un torneo finale cui hanno partecipato addirittura 120 coppie con iscrizioni fino a Fabriano, Ancona, Macerata, Pescara, Gabicce e persino dal Trentino…!
Più volte, nel corso degli anni, l’accademia ha anche ospitato tappe del Campionato Italiano di Beach Volley, segno di quanto e come questa attività estiva sia riconosciuta e conosciuta ben oltre i confini regionali. Un “percorso formativo”, come ci piace definirlo, in cui la tecnica cresce a braccetto con nuove amicizie, in cui lo sport abbraccia il sociale.